Chi siamo

Per ferma volontà di un manipolo di imprenditori del settore, si è costituita una Associazione che va sotto la denominazione di: “Assoimprese Comparto Funerario Regione Puglia” (ASSOIMPRESE C.F.R.P.).  Fondatrici sono la maggior parte delle imprese operanti nel settore del comparto funerario operanti nella città di Bari e dintorni. Si prefigge di coinvolgere il maggior numero possibile delle imprese del settore operanti nella Regione Puglia.

La neo associazione ha fra i suoi scopi:

  • promuovere iniziative idonee allo sviluppo professionale;
  • promuovere analisi e studi volti a tutelare l’imprenditoria del settore;
  • organizzare corsi e seminari di qualificazione professionale;
  • adottare provvedimenti nei confronti di imprese che determinino perdita di prestigio e credibilità;
  • fornire consulenza e pareri;
  • accrescere nei confronti della collettività credibilità e professionalità del settore;
  • impegnarsi a tutelare la collettività, fornendo i servizi corretti, trasparenti, decorosi e professionali;
  • rappresentare il comparto funerario in tutte le sedi assieme ad altre associazioni di categoria.

In una parola valorizzare, promuovere, rappresentare e tutelare i diritti ed interessi degli imprenditori del comparto.

Costoro, consapevoli di agire in un settore di estrema delicatezza e irto di difficoltà, spesso sotto tiro di magistratura e mass media, nell’intento di eliminare sacche di atteggiamenti superficiali, talora al limite della legalità che porta a screditare la parte sana che quotidianamente si impegna con professionalità e competenza, hanno costituito questa Associazione per offrire all’utenza un migliore servizio, oggi non sempre considerato soddisfacente a causa di estemporanee soluzioni da parte di chi non può certo definirsi professionalmente all’altezza di tale compito. Avendo la ferma volontà di sanificare il settore su tutto quello che va rivisto e riconsiderato, l’Associazione, per il raggiungimento di tale scopo, ha intenzione di suggerire la costituzione di un “Osservatorio permanente” del settore, che veda coinvolte tutte le figure istituzionali in indirizzo. Affinché possano seguire il settore, suggerendo la via più lineare da adottare, per offrire il miglior servizio possibile all’utenza nella assoluta legalità e trasparenza.

Pertanto essi chiedono un incontro per affrontare e possibilmente risolvere alcune problematiche che affliggono il settore, sicuri che assieme potranno contribuire alla riqualificazione e recupero della credibilità e alla realizzazione di un servizio il più adeguato alle circostanze.